Specialisti dell’utensile

Federico Costa, responsabile commerciale di Febametal, ha risposto alla nostra intervista.

Come giudicate l’andamento del mercato in cui operate?

Per quanto ci riguarda, è un momento estremamente florido. Parlo soprattutto degli ultimi due anni, che hanno visto la domanda di utensileria di qualità salire in modo deciso. Sicuramente gli incentivi governativi e l’attenzione per l’Industria 4.0 hanno spinto le aziende, inclusa la nostra, verso un rinnovamento dei parchi macchina, generando di conseguenza il fabbisogno di utensili. Parallelamente, l’andamento stabile del comparto automotive europeo traina tutto l’indotto. Fare previsioni su 2018 e 2019 è comunque sempre arduo, sicuramente un piccolo rallentamento del mercato è plausibile“.

Con quale filosofia operativa si muove su tale mercato la vostra attività?

Febametal ha scelto di investire sulla specializzazione ormai da anni. Il nostro core business è fatto di soluzioni all’avanguardia per asportazione truciolo, che si traduce in un portafoglio di soluzioni standard di alta gamma e performance, affiancato da un DNA improntato all’utensileria speciale consegnata in tempi record“.

Quali sono le peculiarità che più vi contraddistinguono?

Per tanti clienti siamo un partner affidabile per risolvere determinate problematiche di lavorazione, un partner a cui affidare il problem solving. È un’etichetta che facciamo fatica a scrollarci di dosso, ma che ci inorgoglisce anche molto. Infatti oggi la nostra gamma di utensili standard è molto completa, e possiamo offrire molto più che l’utensilino speciale complesso“.

Flessibilità e velocità di risposta: cosa significano per voi?

“Per noi velocità e flessibilità sono tutto: basiamo il nostro servizio dello speciale su questi pilastri, oltre naturalmente alla qualità. Riusciamo a evadere ordini di speciale non rivestito in una settimana, e il rivestito in due, per lotti di utensili di massimo 20 pezzi“.

Cosa chiedono oggi maggiormente clienti e mercato?

In breve: utensili standard pronti sullo scaffale e spediti il giorno stesso dell’ordine, e utensili speciali complessi nel minor breve tempo possibile. Combattiamo ogni giorno per realizzare queste aspettative, anche se diventa sempre più dura, in quanto i cataloghi dei prodotti standard sono sempre più spessi e quindi gli stock dovrebbero essere sempre più onerosi e ampi, mentre per lo speciale il cliente chiede ‘miracoli’ sempre più pressanti per quanto riguarda difficoltà di esecuzione e tempo di consegna“.

Come si caratterizza la vostra offerta nel suo insieme?

La nostra offerta è oggi molto completa in ambito asportazione truciolo. Una volta più orientati alla tornitura, abbiamo oggi una gamma all’altezza dei top player del mercato anche in merito ai centri di lavoro. È evidente che la nostra tradizione è improntata più verso alcune nicchie di lavorazione come gole, alesatura, stozzatura e foratura ad alta performance. Ci consideriamo più specialisti che generalisti dell’utensile“.

Con quali criteri avete scelto i marchi che commercializzate?

L’evoluzione è stata molto naturale, in quanto siamo nati con Horn e Amec, e di conseguenza abbiamo espanso i nostri marchi seguendo sempre la stessa filosofia, ovvero: realtà famigliari con pieno potere di investimento, ambizione, innovazione e, quindi, prodotti ad alto valore aggiunto tecnologico. Ne sono una prova anche gli ultimi due aggiunti: le tedesche Neher, utensili in diamante policristallino, e Wohlhaupter, acquistata da Amec, top player nella barenatura“.

Che peso ha l’attività produttiva nelle vostre dinamiche operative?

La nostra produzione aumenta ogni anno di macchine e personale addetto. Ad oggi vantiamo più di 30 macchine CNC, quasi tutte affilatrici, qui nella nostra sede di Grugliasco. Inoltre, il nostro nuovo capannone ci garantisce un’ulteriore superficie produttiva di 1000 mq disposti su due piani“.

Quali sono i prodotti e/o i marchi attualmente di maggior spicco?

Tutte le case che trattiamo sono in gran spolvero, a partire dalle storiche Horn, Amec, Scami e Rineck. Un cenno particolare lo farei però per le ultime arrivate, appunto Neher e Wohlhaupter, e per Yori, un marchio Febametal che racchiude il meglio per la lavorazione dei temprati e delle ghise con utensili in CBN“.

di Casa Casartelli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here