Quando il truciolo è a 24k

F.A.C.S., realtà veneta del settore orafi, ha azzerato i costi di manutenzione grazie a Drex di Reys.

La tradizione orafa vicentina risale all’epoca paleoveneta e longobarda (metà VIII–VI secolo a.C). Questa reputazione, consolidatasi nel corso della storia, arriva fino ai giorni nostri e l’istituzione del distretto orafo argentiero, che si espande in un’area del Veneto che va dal capoluogo vicentino a Bassano del Grappa e Trissino, ne è la tangibile evidenza (fonte: Osservatorio Nazionale Distretti Italiani).

Il distretto è composto sia da grandi imprese orafe famose in tutto il mondo, sia da piccole e medie realtà imprenditoriali che rappresentano, in qualità di terzisti, l’indotto del comparto. Queste ultime, indipendentemente dalle dimensioni, fanno della specializzazione il loro punto di forza, in particolare quelle impegnate nella realizzazione di particolari prodotti o semilavorati. Alta competenza artigianale e internazionalizzazione sono quindi al centro della strategia orafa vicentina. I dati Exportpedia evidenziano come la città veneta sia la terza provincia per esportazioni in vari campi tra cui la gioielleria per un valore di 1.3 miliardi di euro.

Continua a leggere l’articolo all’interno dello sfogliabile, da pagina 44: https://goo.gl/4ph8jf.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here