La tecnologia di ancoraggio magnetico elettropermanente di SPD

La tecnologia di ancoraggio magnetico elettropermanente SPD per la fresatura è la soluzione ottimale per la lavorazione degli stampi o dei loro componenti, su qualsiasi tipologia di macchina, sia ad asse verticale o orizzontale, banco fisso o montante mobile, portale, centro di lavoro su squadre o sistemi pallettizzati. Una vasta gamma di moduli magnetici, di molteplici dimensioni, permettono una grande varietà di lavorazioni, dalla finitura ad alta velocità alle più gravose sgrossature su blocchi di acciaio legato, forgiati o tagliati a seghetto.

A differenza di staffe e morse, che agiscono sul pezzo solo in alcuni punti, il piano magnetico lo blocca uniformemente su tutta la sua superficie di contatto. Questo tipo di bloccaggio consente la completa eliminazione di vibrazioni durante la lavorazione, migliora il grado di finitura, ottimizza le velocità e riduce il consumo degli utensili.

Utilizzando il piano magnetico, si possono avere 5 facce libere contemporaneamente, così da completare la lavorazione in un solo posizionamento tagliando i tempi e le tolleranze di precisione. Si velocizza così il percorso utensili nelle operazioni di spianatura, svuotamento, foratura contornatura.

Questo tipo di circuito aiuta ad ottenere il massimo di induzione magnetica nel pezzo da bloccare, sviluppando un flusso magnetico bilanciato, molto basso e senza dispersioni residue. I piani, alimentati da centraline tecnologicamente avanzate, garantiscono negli anni una forza di ancoraggio costante e sicura.

Sul piano si possono ancorare pezzi di diverse forme e dimensioni. Usando accessori quali le prolunghe polari, è possibile rialzare il pezzo per lavorazioni passanti come la foratura e la contornatura. Con l’abbinamento di prolunghe fisse e mobili autolivellanti, si ha una spessorazione automatica. Le prolunghe mobili, grazie a delle molle interne, si adeguano all’errore del pezzo bloccandolo, ottenendo una perfetta planarità.

In meno di un secondo un impulso elettrico attiva il sistema. In questo modo il piano magnetico àncora il pezzo per un tempo indeterminato. Tutto ciò è realizzabile per merito di un circuito magnetico elettropermanente. L’assorbimento energetico è limitato ai soli cicli di magnetizzazione e smagnetizzazione (0,8 secondi ciascuno).

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here