SKF, al via i lavori di ammodernamento nel polo logistico di Airasca

Una gru di circa 45 metri di altezza ha posizionato, grazie a un’apertura nel soffitto, un nuovotraslo-elevatore di 20 metri di grandezza all’interno dell’ottavo corridoio da poco implementato nel magazzino automatico del sito produttivo SKF di Airasca.

L’operazione è il primo passo significativo di un intervento che si completerà nell’estate 2018, per un investimento complessivo di 7 milioni di euro.

L’intervento si inserisce nel più ampio progetto di ammodernamento del polo logistico di Airasca, la cui prima fase ha avuto inizio nel 2008, si è conclusa nel 2012 e ha riguardato gli ingressi, le uscite, lo stoccaggio e la movimentazione interna.

Il progetto attuale è parte integrante della strategia di rinnovamento che interessa i magazzini SKF in Francia, Svezia, Belgio e India; uno stanziamento totale di 225 milioni di corone svedesi, pari a circa 24 milioni di euro.

Il polo logistico di Airasca è stato costruito nel 1976 e conta oggi oltre 200 dipendenti. Il restyling ha avuto inizio lo scorso mese di marzo con l’integrazione dell’ottavo corridoio del magazzino automatico per lo stoccaggio dei prodotti.

Nei prossimi 12 mesi gli attuali traslo-elevatori verranno sostituiti con modelli di nuova generazione più veloci, leggeri e performanti di quelli attuali.

All’interno del magazzino verrà inoltre integrata un’area per il prelievo materiale a elevata automazione, con postazioni fisse basate su una logica “goods-to-man” (merce all’uomo), in cui i colli verranno movimentati direttamente verso l’operatore per velocizzare il processo di preparazione delle spedizioni.

L’intervento si traduce in una maggiore capacità di stoccaggio, migliore ergonomia e sicurezza, maggiore flessibilità, riduzione dei consumi energetici e capacità di gestire diverse tipologie di imballi.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here