Grandi soluzioni per piccoli pezzi

L’industria manifatturiera medicale è uno dei settori con maggior espansione al mondo. Nel 2015 ha registrato oltre il 10% del volume complessivo delle attività manifatturiere.

La domanda di produzione di pezzi medicali sempre più piccoli, complessi ed accurati, spesso prodotti con materiali complessi da lavorare, è in continua crescita.

Facendo riferimento alle lavorazioni di pezzi medicali, si comprendono tutte le lavorazioni legate ad impianti chirurgici, dispositivi ortopedici e strumenti medicali. Dato che molti moderni impianti hanno dimensioni estremamente ridotte, per la loro produzione si incorre in lavorazioni in piccola scala e microlavorazioni.

Tra i vari materiali difficoltosi utilizzati, il titanio è uno dei più diffusi per i dispositivi medicali, grazie al fatto che il corpo umano non lo rigetta.

Le officine intenzionate a competere nel mondo della produzione di pezzi medicali devono sviluppare una gamma di abilità avanzatissime in grado di soddisfare le specifiche richieste, soprattutto quando vengono coinvolte in lotti ridotti ed in prototipazioni.

In base agli specifici requisiti di questo settore estremamente difficoltoso, Iscar ha ampliato la propria offerta di utensili dedicati alle lavorazioni del settore medicale. Oltre all’introduzione di nuove soluzioni, la compagnia ha apportato modifiche ai sistemi già esistenti in modo da permette lavorazioni economiche ed efficienti di pezzi molto piccoli.

Continua a leggere l’articolo all’interno dello sfogliabile, da pagina 18: http://pixelbook.tecnichenuove.com/newsstand/utensilieattrezzature/viewer/be7c67fdaf5181ba0fdfe1f97dc65f93/.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here