Macchine marcate CE: la posizione della Corte europea

Con un provvedimento (Causa C-40/04),  la  Corte europea, ha chiarito che “sarebbe in contrasto con la direttiva 98/37/CE assoggettare l’importatore di una macchina, della quale il fabbricante ha dichiarato la conformità alla direttiva, all’obbligo di verificare la conformità del prodotto in questione ai suddetti requisiti essenziali”. Inoltre, “per adempiere a tale obbligo, essi sarebbero privi delle conoscenze tecniche e specifiche necessarie, di cui dispone il fabbricante in quanto costruttore”. Sempre secondo la Corte europea gli importatori devono verificare che la macchina sia: marcata CE; accompagnata dalla Dichiarazione CE di conformità nella lingua dell’utilizzatore; accompagnata dalle istruzioni nella lingua dell’utilizzatore. Inoltre le “disposizioni della direttiva 98/37/CE non ostano, in linea di principio, con il riconoscimento della responsabilità dell’importatore nel caso in cui egli sapesse, o avrebbe dovuto sapere, che la macchina non era conforme ai requisiti essenziali applicabili, purché si fatto requisito di diligenza non equivalga ad imporgli l’obbligo di verificare egli stesso la conformità della macchina a tali requisiti essenziali, né altri obblighi che, ai sensi della citata direttiva incombono al fabbricante”.

Anche la giurisprudenza italiana è in linea con quanto sopra espresso. Ad esempio la Corte di Cassazione penale, Sezione IV, con la sentenza n. 49234/10, ha chiarito che “la tutela antinfortunistica è anticipata al momento della costruzione, vendita, noleggio e concessione in uso delle macchine, parti di macchine o apparecchi in genere; nella responsabilità per la mancata rispondenza dei prodotti alle normative sono coinvolti tutti gli operatori cui siano imputabili le indicate attività; ognuno di essi è cioè tenuto ad esercitare il necessario controllo di regolarità della macchina o del pezzo, prima che lo stesso esca dalla sfera della sua disponibilità di fatto, col passaggio alla fase economica successiva”.

di Silvia Ceruti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here