prodotti

Saldatura MAG ad altissima velocità

SAT– Swift Arc Transfer è un nuovo procedimento ESAB per la saldatura MAG ad alta produttività, con velocità molto al di sopra dei limiti della normale saldatura Spray-Arc. SAT produce cordoni di saldatura piatti, con buona penetrazione e senza incisioni. Un ulteriore vantaggio è il limitato apporto di calore, che si traduce in minori deformazioni. Il procedimento è stato sviluppato per saldatura robotizzata, automatica e meccanizzata. È adatto per saldature d’angolo e a lembi sovrapposti su lamiere sottili e di medio spessore, in posizione piano-frontale. SAT è basato sull’utilizzo del filo non ramato ESAB OK AristoRod per saldatura MAG, fabbricato con tecnologia ASC – Advanced Surface Characteristics, il filo standard di riferimento per l’industria europea dei mezzi di trasporto. L’assenza di contaminazione del sistema di alimentazione del filo con particelle di rame e la speciale finitura superficiale consentono un avanzamento del filo sicuro e costante, oltre a un arco stabile anche ad alte velocità e con elevati valori di corrente. Il procedimento SAT utilizza generatori ESAB a inverter con traina-filo Robofeed 3004, capace di velocità di alimentazione del filo fino a 30 m/min. Il controllore di processo Aristo U82 gestisce i parametri di saldatura. Sono disponibili linee sinergiche per diversi diametri di filo e per vari tipi di gas di protezione. Short-Arc, Mixed-Arc, Spray-Arc e Arco Rotante sono le modalità che avvengono in sequenza naturale secondo l’incremento proporzionale della tensione d’arco e della velocità di avanzamento del filo. Forced-Short-Arc è una modalità che si realizza con velocità del filo tipiche delle aree Spray-Arc e Arco Rotante, ma con tensioni d’arco notevolmente più basse. Le possibilità e i vantaggi offerti da questa tecnica sono ben conosciuti e utilizzati in varie applicazioni industriali. A velocità di avanzamento del filo ancora più elevate, ma con tensioni d’arco più basse rispetto all’Arco Rotante, si ottiene l’arco di tipo SAT.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here