Le aziende informano

Misurazioni sempre più rapide e precise

Nuove funzionalità e dimensioni più compatte: questi i principali punti di forza del nuovo laser tracker che CAM2 ha recentemente presentato agli addetti ai lavori, annunciando una piccola “rivoluzione” nel mondo della misurazione portatile.

Dedicato alla stampa specializzata, l’evento recentemente organizzato da CAM2, filiale italiana del Gruppo FARO Technologies, ha avuto come obiettivo quello di presentare Vantage, innovativo laser tracker sviluppato secondo precise caratteristiche di compattezza, performance ed estrema facilità di usabilità e trasporto. Peculiarità in linea con le attuali primarie esigenze di alcuni settori ma, al tempo stesso, capaci di offrire anche numerose nuove opportunità applicative. Dopo i consueti convenevoli di benvenuto e una sintesi introduttiva sul Gruppo e sulla filiale italiana effettuata da Giovanni Trivisonni, Area Vice President FARO Europe e direttore vendite Germania, Austria, Svizzera e Italia, Antonio Maione, responsabile CAM2 per il mercato italiano, ha fatto il punto sulla tecnologia e sulle soluzioni che il Gruppo è in grado di rendere disponibili: bracci antropomorfi di misura, laser scanner e, appunto, laser tracker (oltre a software dedicati per il loro funzionamento). Un breve ma interessante excursus storico che ha ben evidenziato i principali step di crescita tecnologica, frutto di una costante attività di R&S.

«Ricordiamo – ha sottolineato lo stesso Maione – che il Gruppo FARO giunge nel mondo del laser-tracking a “mercato già avviato”, nel 2002, ma che da allora, anche attraverso acquisizioni mirate e innovazione continua, ha saputo segnare il passo del settore».

Ultimo in ordine cronologico, dunque, è proprio il nuovo Vantage, laser tracker che unisce nuove funzionalità a un design compatto e accattivante. Funzionalità come per esempio SmartFind, MultiView e WLan integrata, che consentono di accelerare le operazioni di misurazione raggiungendo i più elevati livelli di velocità ed efficienza. Mentre grazie a dimensioni e peso ridotti, il dispositivo risulta oggi realmente portatile (la dotazione comprende, oltre alla normale custodia di spedizione, anche un zaino e un roller board che permettono di trasportare il laser tracker in modo pratico e veloce).

A questo proposito Fulvio Valenziano e Giuliano Buldini, responsabili mercato italiano CAM2 Laser Tracker, hanno illustrato tutte queste specificità anche attraverso esempi pratici di misura.

«Grazie alle due nuove ed esclusive funzionalità del Vantage – ha precisato Valenziano – ovvero SmartFind e MultiView, è possibile aumentare significativamente la produttività riducendo i tempi di misurazione».

Il sistema SmartFind risponde a semplici gesti dell’operatore, consentendo al Vantage di trovare velocemente il target desiderato ogni qual volta il raggio laser venga perso o interrotto. Il sistema MultiView (brevetto in corso) utilizza invece due telecamere integrate che permettono di puntare automaticamente target specifici, difficili da raggiungere. Nonostante la sostanziale riduzione di dimensioni (-25%) e peso (quasi del 30%) del Vantage rispetto al suo predecessore, CAM2 è comunque riuscita a integrare nuovi e più performanti sistemi ottici in linea che, di fatto, aumentano il raggio di misura del 45%, portandolo a un massimo di 80 m (ovvero un diametro pari a 160 m). Grazie alla WLan integrata, si elimina la necessità di collegamento via cavo al laptop, con l’opportunità di effettuare più misurazioni con meno spostamenti del dispositivo e in tempi più veloci. Grazie ad altre nuove specificità tecniche, come l’impermeabilità e la resistenza alla polvere (classe IP52), gli operatori possono inoltre contare sul Vantage anche in caso di precipitazioni e umidità che comprometterebbero il funzionamento di altri laser tracker.

«Non ultima – ha aggiunto Buldini – segnalerei anche la tecnologia brevettata e di quinta generazione TruADM, deputata ad assicurare la precisione necessaria per applicazioni che si hanno nella reale pratica quotidiana, dove le differenze tra misurazione della distanza assoluta e misurazione con interferometro sono in gran parte irrilevanti».

A differenza delle tecnologie che necessitano di un sistema IFM a sostegno del loro sistema ADM, TruADM di CAM2 semplifica il procedimento e, grazie ad avanzati algoritmi predittivi è possibile effettuare misurazioni dinamiche semplicemente eseguendo la scansione con il target.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here